Corso SEO: ☠ Click Bait! l'arma segreta per farsi del male!

2020-08-06 09:42:56

Attirare clienti con uno stratagemma come questo, può essere letale per il tuo business! La stessa cosa succede quando vuoi attirare visitatori al tuo sito web, al tuo blog o al tuo canale YouTube! Scopri come evitare il fallimento:

Foto tratta da: www.pexels.com 


Quante volte ti è successo di avere la tentazione di attirare clienti con degli stratagemmi come questo qui sopra? Quando fatichi per ore, per giorni, per settimane a sviluppare un prodotto, un servizio e vorresti che tutti lo acquistassero! Quante volte hai provato a creare banner pubblicitari ingannevoli?


Un errore fatale: il click bait!

Non tradire mai la fiducia dei tuoi clienti o dei tuoi fans!

Nel web, così come nel business, attirare clienti o visitatori con stratagemmi come questo può essere fatale! Il cliente arriva da te e pretende la sua vacanza da sogno GRATIS! e tu gli dici di leggere bene, perché sotto la scritta "GRATIS" c'è scritto in chiare lettere che GRATIS è l'aperitivo di benvenuto e non la vacanza da sogno!


Cosa ti aspetti che dica? come pensi che si senta? Come minimo preso in giro!


Nella migliore delle ipotesi l'effetto che otterrai sarà di provocare disgusto e odio, i tuoi visitatori si sentiranno ingannati e non vorranno più avere a che fare con te, con i tuoi prodotti o servizi o con il tuo web o il tuo canale YouTube. Parleranno male di te ai loro amici e la tua fama di adescatore si spargerà con facilità.


Spesso chiamati anche "specchietti per le allodole", i titoli Click Bait! sono uno di quegli stratagemmi assolutamente vietati. Se hai intenzione di creare una solida base di clienti affezionati al tuo business, non fare mai questo errore!


La settimana scorsa accennavamo a questo pericolo e oggi approfondiamo l'argomento, continua a leggere fino alla fine questo articolo per scoprire come evitare di farti male con le tue stesse mani!


Perché nelle pubblicità delle automobili lo fanno sempre

In certi casi il titolo Click Bait! può anche funzionare, altrimenti non vedresti così tanto spesso usare questo stratagemma! Ci sono un paio di categorie che se lo possono permettere: 

  1. chi trasmette più valore nel titolo che nel contenuto
  2. chi ha tanto da offrire ma deve iniziare a proportelo con cautela

Del primo caso fanno parte "le bufale",  "le fake news", "le truffe"! Le aziende, o meglio dire, le organizzazioni, che sfruttano i titoloni attraenti e persuasivi per farti compiere una azione specifica che può essere "condividere", "mettere like" o "commentare" (in una parola "interagire") in modo da diffondere in modo virale il post e attraverso il fenomeno della diffusione virale, arrivare a quelle persone più o meno sprovvedute, per vendere prodotti o servizi senza valore o semplicemente per attirare traffico al proprio sito, da cui vendere pubblicità, per esempio con banner Pay-per-Click o Pay-per-View!


Del secondo caso, fanno parte tipicamente le aziende automobilistiche, ma anche le agenzie immobiliari, che per sconfiggere la concorrenza, attirano i clienti a sé con offerte clamorose! Per esempio ti offrono in pubblicità una automobile di nuova immatricolazione a €6000, soltanto per attirarti all'interno del concessionario, per poi scoprire che a quel prezzo, l'automobile è senza immatricolazione, senza vernice, senza ruote e quando completi l'allestimento, dopo aver aggiunto le tasse e alcuni optional "obbligatori" il prezzo di vendita raddoppia o triplica, ma a quel punto il venditore ti avrà convinto che il prezzo è quello giusto e riuscirà in qualche modo a concludere la vendita! Si tratta sempre di vendite mordi e fuggi,  raramente si cerca di fidelizzare il cliente!


Come al solito, il tema centrale è il fattore umano: le persone non vogliono essere prese in giro!


Che risvolti ha tutto questo nella SEO?

Anche per portare i tuoi contenuti in prima pagina su Google devi evitare di tradire il tuo pubblico!

Quando vuoi portare un tuo articolo di Blog in prima pagina su Google, o quando vuoi portare un tuo video YouTube sopra i risultati di ricerca organica di Google, devi comportarti come se dovessi vendere il tuo articolo, anche quando lo regali!


Ogni volta che vuoi trasmettere un contenuto alle persone, 
di fatto stai barattando la tua conoscenza con il loro tempo, 
questa è una vendita a tutti gli effetti!


Dunque possiamo paragonare il titolo del tuo articolo, o l'immagine di miniatura (di copertina) del tuo video, al banner pubblicitario che serve a vendere un tuo prodotto! e se vuoi che il pubblico apprezzi il tuo contenuto, devi sempre seguire la via del valore e mai usare stratagemmi Click Bait! per ingannare gli utenti e far credere che ci sia valore dove invece c'è solo una scatola vuota!


Se hai compreso questo concetto non ti sarà difficile evitare di compiere l'errore di usare titoli click bait,  ma per essere completamente certo che tu eviti di commettere questo errore, ti riporto alcuni esempi da evitare:


Esempi di titoli Click Bait!

Riporto qui di seguito alcune pratiche da evitare

Se riconosci di aver fatto questi errori, ricordati che in futuro sarà meglio non ripeterlo:


  • usare il nickname di un personaggio famoso nel titolo per attirare i suoi ammiratori e non parlare di quel personaggio famoso nel contenuto. Per esempio potrei scrivere nel titolo «Assurdo! La miglior magia di Jack Nobile» e poi nel corpo del messaggio non citare mai Jack Nobile, o peggio ancora eseguire una magia che lui non abbia mai neanche fatto!

  • cavalcare trend per parlare di tutt'altra cosa. Per esempio, in seguito alla notizia di uno Tsunami, creare un titolo simile a «Pazzesco Tsunami di vendite» e scrivere un articolo sulla vendita di spinner...

  • usare numeri sbagliati solo per fare clamore. Per esempio, nel titolo di un articolo scrivere «954 nuovi infetti in un solo giorno» supponendo che ci sia un focolaio di virus, poi all'interno dell'articolo specificare che il numero riportato si riferisce al numero totale di casi nel mondo!

  • scrivere le clausole in miniatura tali da essere illeggibili. Come ho riportato nell'esempio di questo articolo, scrivere in piccolissimo l'oggetto del contendere e magari suscitare interesse spostando la punteggiatura in modo strumentale!

Potrei continuare all'infinito, spero che il concetto sia chiaro, non ingannare mai il tuo interlocutore (che può essere sempre definito anche tuo cliente), anzi, cerca sempre di trasmettere valore, autenticamente in modo etico e senza cercare di ingannare con stratagemmi!


Cosa è concesso

Cosa c'è di buono e cosa possiamo imparare dai titoli Click Bait

Devi sapere che per raggiungere i tuoi fans, per destare attenzione ai tuoi lettori e indurli a consumare i tuoi contenuti online, devi comunque lottare contro l'indifferenza, contro la distrazione! contro la pigrizia!


In un mondo sempre più connesso, sempre più veloce, con sempre più stimoli, catturare l'attenzione è sempre più difficile. Ora ti do un suggerimento che ti sarà molto utile: osserva con attenzione i titoli click bait. Quando sfogli un quotidiano, quando scorri una timeline del tuo social network preferito, presta attenzione a quali titoli ti fanno venir voglia di soffermarti a leggere l'articolo o a guardare un video!


Cerca di capire quali dettagli ti hanno colpito, può trattarsi di come è stato usato lo schema dei colori, la posizione del testo rispetto alle immagini, l'uso di determinate parole evocative e di aggettivi! L'unico accorgimento che devi sempre adottare, consiste nel dire nei tuoi titoli la verità, evitando di dire solo la parte "comoda" tenendo la parte "scomoda" all'interno dell'articolo, facendo capire da subito qual è il valore che il pubblico riceverà, dopo aver consumato il tuo contenuto multimediale!


Quando il tuo pubblico riconoscerà il valore che hai promesso nel titolo, all'interno del tuo articolo o del tuo video YouTube, si sentirà trattato con rispetto e tornerà volentieri a trovarti, si iscriverà con piacere al tuo canale, creerà interazione in termini di Like, Commenti e Condivisione.


Tutti questi comportamenti verranno registrati accuratamente dal motore ad intelligenza artificiale di Google e così i tuoi contenuti verranno premiati, ottenendo la prima pagina sui motori di ricerca!


Questo è solo uno dei tanti aspetti da tenere in considerazione per poter essere in prima pagina sui motori di ricerca senza pagare pubblicità e in modo etico. Scopri di più nei prossimi 100 minuti di valore gratis:


by Emanuele Frisoni
3